Presentazione dei progetti degli studenti del Liceo A. Diaz di San Nicola La Strada

Condividi!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

La creazione collaborativa di Open Data per la riscoperta del patrimonio culturale di San Nicola La Strada

Ieri mattina nel Salone Borbonico di San Nicola La Strada sono stati presentati i progetti degli studenti delle classi del Liceo A. Diaz, impegnati nelle attività di alternanza scuola – lavoro in collaborazione con il progetto Hetor.

I ragazzi si sono occupati della realizzazione di dataset Open sulle risorse culturali di San Nicola La Strada e della Provincia di Caserta.

I progetti dei 27 studenti coinvolti sono:

  • Il Museo Open della Civiltà Contadina – a cura di Anna Carnevale, Davide Capasso, Micaela Cermola, Erica Malorgio, Martina Nuzzi, Vittoria Perfetto, Alessandro Tortora
  • Risorse e Beni culturali Minori Sannicolesi – a cura di Clemente Convertito, Christian Crimaldi, Linda D’Anna, Anastasiya Fedoryuk, Giulio Martucci, Michele Martucci, Gaetano Russo
  • Stradario ragionato: le strade di San Nicola La Strada – a cura di Davide Afflitto, Jacopo Andreozzi, Daniela Magnotta, Filippo Mastroianni, Michele Morgillo, Samuel Salzillo, Marika Zuna
  • Casellario politico provinciale di Caserta durante il Fascismo – a cura di Assunta Dell’Ostia, Giulia Iacomino, Matteo Mavica, Kevin Papa, Giulia Raffone, Raffaele Sibilio

Il primo progetto è stato creato con l’intento di catalogare i manufatti presenti nel Museo della Civiltà Contadina, poco valorizzato, per far si che i cittadini sannicolesi conoscano e apprezzino il suo valore e ne riconoscano l’importanza storica.

Lo scopo principale di questo lavoro è quello di voler preservare la memoria storica degli usi e costumi locali.

 

 

Il secondo progetto è nato con l’intento di valorizzare le risorse e i beni culturali minori di San Nicola La Strada, spesso dimenticati o dati per scontati. Ciò è stato fatto partendo da un censimento di tutti i beni presenti sul territorio, aggiungendo informazioni dettagliate, in particolar modo analizzandone il periodo storico di appartenenza.

 

 

Il terzo progetto è stato creato con l’intento di classificare e localizzare tutte le vie, le strade, le piazze e le varie arterie presenti nel Comune di San Nicola la Strada. Tra i campi più importanti riportiamo quelli della geolocalizzazione e dell’individuazione del percorso, analizzandone talvolta le località e le denominazioni antiche.

Si differenzia da uno stradario tradizionale, inoltre, per la presenza di informazioni riguardanti i personaggi a cui le strade sono intitolate, attraverso una sintesi della loro biografia e della loro qualifica: in questo modo si costruisce uno stradario ragionato, che permette un approfondimento storico – culturale che non si sofferma solo sulla toponomastica del territorio.

 

 

Il quarto e ultimo progetto, partendo dai dati raccolti dall’Archivio Centrale dello Stato nella sezione Casellario Politico Centrale. si è proposto di arricchire e implementare le informazioni in esso contenute, al fine di creare un profilo di più ampio spessore degli osservati politici della provincia di Caserta durante il Regno D’Italia e, in particolare, durante il Regime Fascista.

 

 

Sono inoltre intervenuti il Prof. Vittorio Scarano, la Docente Rosaria Sabino e il Sindaco di San Nicola La Strada Vito Marotta, elogiando il lavoro degli studenti e ammirandone la voglia e la passione profusa nel recuperare la memoria e le tradizioni del territorio.

 

Prof. Vittorio Scarano, Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Salerno e Prof. Rosaria Sabino, docente del Liceo A. Diaz
Vito Marotta, Sindaco di San Nicola La Strada
Prof. Vittorio Scarano, Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Salerno
Gruppo 1 – Museo Open della Civiltà Contadina
Gruppo 2 – Risorse e beni culturali minori sannicolesi
Gruppo 3 – Stradario ragionato di San Nicola La Strada
Gruppo 4 – Casellario politico provinciale di Caserta durante il Fascismo

 

 

 

Condividi!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *