Natale in Campania: le specialità della tradizione da non perdere

Il Natale è alle porte e il panettone dietro l’angolo… E se vi dicessi che in Campania ci sono oltre 20 specialità natalizie da poter gustare?! Non vi viene voglia di assaggiarle tutte?!

In effetti, la Campania è rinomata in tutto il mondo per i suoi prodotti tipici, e le ricette per la loro preparazione costituiscono un tesoro inestimabile della tradizione locale.

Click to load...

 

Struffoli

Tra le specialità natalizie più conosciute e diffuse nell’intera regione troviamo sicuramente gli struffoli, un dolce antichissimo portato a Napoli dai Greci al momento della fondazione di Partenope. Infatti, l’origine del nome deriva molto probabilmente dal termine greco strongulus che vuol dire “arrotondato”, palese richiamo alla loro forma.

Secondo l’antichissima ricetta, gli INGREDIENTI sono:

  • farina
  • uova
  • burro
  • latte
  • limone grattugiato
  • sale
  • vaniglia o vanillina

PROCEDIMENTO:

L’impasto viene lavorato a lungo per poi essere tagliato in pezzetti piccoli che vengono modellati a forma di palline che vanno fritte in olio e poi miscelate al miele e, infine, guarnite con pezzetti di frutta candita e confetti colorati. Che bontà!

Click to load...

 

Roccocò

Un altro dolce della tradizione, immancabile sulle tavole delle famiglie campane nel periodo natalizio, è sicuramente il roccocò.

In questo caso, l’etimologia della parola roccocò rimanda a “roccia artificiale” e si riferisce alla sua particolare consistenza. Si tratta, infatti, di un biscotto secco e molto duro, dall’aspetto quasi marmoreo, di forma circolare, prodotto in tutta la regione.

La ricetta originale prevede i seguenti INGREDIENTI:

  • farina
  • zucchero
  • mandorle (tritate e intere)
  • pepe bianco
  • chiodi di garofano
  • scorze di agrumi canditi
  • buccia grattuggiata di arancio
  • estratto di cannella
  • una goccia di ammoniaca

PROCEDIMENTO:

Per ottenere il roccocò tradizionale, la pasta va lavorata su un piano ampio su cui va disposta la farina “a fontana” al cui centro vanno aggiunti tutti gli ingredienti e, infine, le mandorle precedentemente tostate e tritate, insieme alle altre lasciate intere. La base va lavorata a lungo, aggiungendo continuamente acqua fino ad ottenere una consistenza abbastanza dura da non attaccarsi al piano di lavoro. La pasta ottenuta va divisa in piccoli pezzi che vanno chiusi a ciambella, spennellati con l’uovo e infornati per circa 10 minuti fino a che non raggiungono la tipica colorazione bruna.

Click to load...

 

Mustaccioli

In Campania non è Natale senza i mustaccioli! Questi dolci di antichissima tradizione, citati in numerose opere letterarie e teatrali campane, hanno una forma romboidale e, secondo alcuni, il loro nome deriva proprio dalla loro somiglianza ai “mustacchi”, i baffi folti e lunghi che portavano i nobili in passato. Secondo altre fonti, invece, il termine deriverebbe dalla parola “mosto”, un ingrediente usato nelle antiche ricette contadine per addolcire questi biscotti.

I mustaccioli possono avere diversa consistenza, a seconda delle varianti locali, e la ricetta originale prevede i seguenti INGREDIENTI:

  • miele
  • farina
  • acqua
  • lievito
  • cacao
  • miscela di spezie (cannella, chiodi di garofano, noce moscata, cardamomo)

PROCEDIMENTO:

Per ottenere degli ottimi mustaccioli, dopo la lavorazione degli ingredienti, la pasta va lasciata riposare e poi cotta in forno. Alla fine, i dolci vengono ricoperti di glassa al cioccolato o, nelle varianti nate negli ultimi anni, di glassa al cioccolato bianco o una glassa di zucchero e canditi.

Questi sono solo alcuni dei prodotti della tradizione campana che si possono acquistare in tutti i laboratori artigianali durante il periodo natalizio.

Infatti, in pochi sanno che oltre a queste bontà, esistono molte altre prelibatezze preparate appositamente durante le feste natalizie che costituiscono piatti della tradizione di tutta la regione, come:

  • Calzoncelli
  • Susamielli
  • Divino amore

Altri sono prodotti solo in alcune province, ad esempio:

  • Castagna infornata – Avellino
  • Panesillo di Ponte – Benevento
  • Pizza figliata – Caserta
  • Cartellate con mosto – Napoli
  • Pasticella di Acerno – Salerno
Click to load...

 

Se siete curiosi e desiderate gustare queste e molte altre specialità, non vi resta che fare un salto in Campania per Natale!
Sarete accolti calorosamente e di sicuro non andrete via a stomaco vuoto!

Inviateci ricette, foto o, ancor meglio, qualche dolcino natalizio.

Buone feste dal team di Hetor!
Seguici su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *